Tokyo, ma chi sei?

Anche ieri siamo andati a cercar casa. Stavolta in una zona più vicina al centro.
E’ d’avvero complicato trovar casa a Tokyo, anche perchè ti devi muovere in spazi enormi. Oggi però abbiamo cercato casa di una qualità un po’ più alta, per non incorrere nei problemi dell’ultima volta. Infatti abbiamo visto degli appartamenti molto belli. Quello più alla nostra portata era una appartamento al 13° piano di un palazzo (il numero non mi fa stare gia’ molto tranquillo) che non era affatto male. Molto piccolo, ma super accessoriato e modernissimo. Peccato che Hiromi soffre di vertigini (e te pareva… ma allora che ci sta fare sugli aerei????) e quindi difficilmente lo prenderemo.

shibuya-the-blade-runner-square1.jpg

Comunque l’esperienza stavolta è stata positiva, ma la ricerca prosegue.
Andare in giro per il centro di Tokyo in macchina e poter viaggiare su queste autostrade sospese in cielo fa un certo effetto. Infatti la rete autostradale a Tokyo è intricatissima ( mai quanto le mogli.. ), una rete gigantesca che passa proprio in mezzo alla città, tra tunnel sotto terra e appunto sopraelevate a diversi piani (se pensate che c’è pure la rete ferroviaria immensa che si dirama nello stesso modo, potete immaginare che gran caos!).

shinjuku-neon-pt2.jpg

Vedere i palazzi in macchina dall’alto verso il basso è un esperienza unica (volendo fare i curiosoni anche direttamente nei palazzi…), circondati da tutte queste insegne luminose, mega schermi giganti e richiami pubblicitari di ogni genere, ti trasportano veramente in un modo futuristico. Non so quanto sia positiva come immagine, ma sicuramente è particolarmente suggestiva…
Il centro di Tokyo è qualcosa fuori dal mondo anche per gli stessi giapponesi. Un mondo a parte, sembra veramente di essere su Trantor (Per gli appassionati di Asimov) o nel film di Ridley Scott Blade Runner.

shibuya.jpg

Luoghi come Shibuya e Shinjuku (vedi foto) ti fanno venire le vertigini, alzi lo sguardo e ti vedi treni macchine che ti passano sulla testa, un caos allucinate, palazzi illuminati da mega proiezioni, tutto che lampeggia, centri commerciali ovunque, una mareaaaaaa di gente… auitooooo portatemi viaaaaaaaa….che incubo!!!

tokyomachise4jpg.jpg

Tokyo non è tutta così (per fortuna), ci sono anche parti più tranquille dove si vedono ancora negozietti di alimentari, con le signore che si salutano come se fossero in uno dei nostri paesi di campagna, artigiani che fanno il tatami a mano( il tappeto giapponese, più che un tappeto è un pavimento che viene utilizzato per le stanze tradizionali) come se il tempo non fosse mai trascorso, aree pedonali dove le persone possono passeggiare e andare in bici nella massima sicurezza (ma se la ciclista non è Hiromi). Insomma Tokyo ha molte facce che non sono solo Shibuya e Shinjuku o altri quartieri simili.

fototokyochi5jpg.jpg

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in About Japan. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Tokyo, ma chi sei?

  1. peppe ha detto:

    ma oggi che sei dislessico?
    eh eh bella pe te diremmo da queste parti!

  2. Teo ha detto:

    la mia dislessia non la scopriamo certo oggi!:-)
    ma a che frasi ti riferisci? Ho cambiato l’ordine delle foto e magari ho cancellato qualcosa (anche se mi sembra difficile).

  3. Il socio ha detto:

    In effetti alcune foto sembrano riprodurre gli scenari di Blade Runner. Occhio a non imbatterti in qualche cyborg psicopatico:)

  4. omarameo ha detto:

    Cazzo Teo, mi piace sempre di più sto tuo diario di bordo!
    Infatti ogni tanto mi sembra per qualche secondo di essere lì con te (cazzo che romanticone che sono! :-))))))
    Comunque dev ‘essere diciamo affascinante stare in una città del genere (almeno per i primi tempi, perchè poi chissà che 2 coglioni tra un pò!!!!).
    Comunque bella lì, quando hai tempo continua a deliziarci con tutti i particolari più nascosti che trovi a Tokyo.

    P.S.: non prendermi per scemo, ma ho visto in tv (non ricordo in che trasmissione) una nuova “moda” che c’è a Tokyo riguardo l’ argomento welfare o wellness che dir si voglia: quella di immergere i piedi in una piccola vasca d’acqua con all’interno dei pesci molto piccoli. Praticamente con i micro-morsi che quest’ ultimi ti danno, riattivano la circolazione e svolgono una sorta di massaggio tonificante, ne sai qualcosa ciccione?

  5. omarameo ha detto:

    P.P.S.: a proposito del mio culo al fanta, ma di chi è quel mega panettone che si vede di spalle e sta correndo nella penultima o terzultima foto?
    Non sarai mica il tu cu..?

  6. wawawuma ha detto:

    e si, non ci freghi mica!
    altroche tokyo…. li stai correndo a milano 2 o milanello, o giu di li…. ti abbiamo scoperto! furbacchione….

  7. Teo ha detto:

    è come essere qui con me? ah ecco perchè a volte sembra cosi piccola sta stanza!
    si ho sentito anch’io qualcosa del genere, ma sinceramente non so dove… mi informerò!
    foto ? certo che sono io! mi hai anche risparmiato la pelata:-)grazie!

    Milanello? magari! è proprio tokyo e dovevate vedere che bello 15 giorni fa con la fioritura dei ciliegi!

    ah lo cyborg ce l’ho a casa e se non rigo dritto sono dolori!! ahi ahi ahi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...